THE TREE

MAG

Weekend House Nové Hamry di NEW HOW architects

ARCHITETTO:

NEW HOW architects

PHOTO:

Petr Polák

ANNO:

2021

LUOGO:

Prague, Repubblica Ceca

LINKS:

La casa si trova a pochi metri dal limitare del bosco, da dove cresce verso le cime degli abeti rossi. Immerso tra gli alberi, quasi nascosto rispetto alle altre case di intonaco bianco della porta accanto, sembra quasi che sia stato inghiottito dalle foreste …
Il design si basa sulla natura e sul colore locale, in cui è possibile trovare tutte le sfumature di grigio. Il grigio si vede nelle sfumature degli alberi, nelle rocce granitiche e basaltiche, e persino negli aghi e nei tronchi verde scuro degli abeti rossi locali, tipici delle foreste dei Monti Metalliferi. Fin dall’inizio, era chiaro che la facciata e il tetto della casa per le vacanze dovevano essere ricoperti di alluminio di un colore scuro simile. La struttura della facciata è stata utilizzata per creare una superficie ruvida intensa che ricorda vagamente legno nero oliato e tronchi di abete rosso a crescita lenta. Tuttavia, il suo colore e la sua superficie non sono gli unici aspetti sorprendenti di questa casa.

Da un punto di vista formale, il nuovo edificio è rappresentato da una figura aerodinamica ma spigolosa, dove elementi classici, come il tetto e il muro, cedono il passo a una forma netta e si fondono tra loro. L’aspetto è stato creato attraverso molte scene spaziali degli interni impostate con precisione e sulla base delle condizioni climatiche locali che cambiano stagionalmente, poiché il carico di neve in inverno richiede la scelta di un angolo del tetto ripido. L’idea di una “torre di vedetta” determina anche l’altezza della casa dall’interno. Dovrebbe assomigliare a una torre piuttosto che a una casa e dovrebbe anche fungere da rifugio. Invece dei soliti due piani, sono stati creati tre livelli di azione, ciascuno con il proprio carattere. Al livello più alto, la casa funge da studio, biblioteca e anche da rifugio.

A questo punto è possibile far volare i pensieri … Una finestra quadrata con un lato lungo 2,5 m incornicia la vista delle cime degli alberi, del cielo e del paesaggio. Un piano più in basso, oltre al bagno e al soppalco, qui troviamo anche gli angoli notte. Il pavimento è in parte formato da una rete che stabilisce un collegamento con il livello più basso sia visivamente che acusticamente e funge da area di sosta. È un posto dove puoi liberare la tua immaginazione. Stare in una rete e non avere un terreno solido sotto i piedi ha qualcosa a che fare con il sogno di volare, oltre che con lo sguardo al cielo. Il livello più basso della casa è dominato dalla principale area sociale con una cucina e un camino centrale, un luogo di incontro e di vivace conversazione. Il background tecnico si trova in un seminterrato parzialmente incassato.

Nel prossimo futuro la casa sarà abitata tutto l’anno. Per questo motivo la casa dispone già di posti letto per almeno dieci persone. Inoltre, anche in futuro il concetto energetico della casa dovrebbe essere ampliato. Attualmente è riscaldato da un camino aperto ed elettricità. Inoltre, la casa è già dotata di punti di connessione per l’impianto fotovoltaico su tetto e per gli aerogeneratori verticali che aiutano a realizzare l’idea di vita energeticamente autosufficiente.

Testo fornito dall’ Architetto

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas