TOPO’S SHED di Pía Mendaro

ARCHITETTO:

Pía Mendaro

ANNO:

2020

PRODUZIONE:

Fast&Furious Office

LUOGO:

Madrid, Spagna

Clara è un’artista e non ama le cose eccessivamente progettate. Voleva qualcosa “come la casa di Ron Weasley”; qualcosa che potrebbe adattarsi alle esigenze che appaiono nel tempo.

Questo è lo studio-casa della mia amica Clara Cebrian. Clara è un’artista e non ama le cose eccessivamente progettate. Voleva qualcosa “come la casa di Ron Weasley”; qualcosa che potrebbe adattarsi alle esigenze che appaiono nel tempo.

Il progetto, quindi, doveva fornire una base perché la vita potesse accadere ed essere “quasi nulla”.

Lavoriamo su un magazzino di 10x10m con un tetto a due falde tenuto da due travi di acciaio, una facciata con due finestre e una porta. Perché “quasi nulla” funzioni come “quasi qualsiasi cosa”, sembra che nulla debba essere molto legato.

Eravamo sicuri di tre cose: che lo spazio doveva essere inteso come quello che è – un quadrato -, che dovevamo usare una cucina che Clara aveva acquistato per la vendita e che gli incanalamenti erano dove erano ed erano immobili.

Abbiamo deciso di creare un “muro nascosto”; una facciata dove potremmo posizionare la cucina (tutti vogliono sempre essere in cucina). La cucina diventerebbe l’utile protagonista dello spazio e dietro di essa si nasconderebbe il bagno e le strutture. Il muro passa sotto la cintura delle capriate, permettendo al magazzino di essere compreso così com’è, e impedisce alle porte di aprirsi direttamente sullo spazio (specialmente il bagno).

Nel processo di localizzazione del posto letto di Clara, abbiamo pensato di creare un letto con ruote, una cabina, una scatola con finestre … finché non abbiamo deciso di staccarci da terra. Forniamo quindi un orizzonte nel magazzino; una connessione con l’esterno che riteniamo necessaria per la salute mentale. Alla fine è stato il momento clou del progetto: una piattaforma molto leggera e semi-sospesa, che a sua volta supporta una piccola elevazione del tetto. Abbiamo progettato questa struttura con Manuel Ocaña; Tondi d’acciaio da 20 mm che lavorano su compressione e sospensione e barre corrugate da 8 mm in tensione. La piattaforma accetta un massimo di 5 persone, quindi abbiamo realizzato una scala con ruote che potevano nascondere: abitudini magre.

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas