Cantina Tramin: una chiacchierata con Werner Tscholl

Cantina Tramin: una chiacchierata con Werner Tscholl

Cantina Tramin: una chiacchierata con Werner Tscholl

AUTORE:
IMMAGINI:
ANNO:

Nella Cantina Tramin l’esoscheletro diventa protagonista del progetto. Perché questa scelta?

La Cantina Tramin ha circa duecento contadini come soci e per l’approvazione del progetto sapevamo che avevamo bisogno di un messaggio forte e chiaro in cui tutti si riconoscessero.
La cosa più importante era quella di far capire ai contadini che l’elemento fondamentale che loro utilizzano per fare il vino è la vite e l’esoscheletro che noi abbiamo costruito è la sua stilizzazione. Partendo da questo presupposto la vite diventa l’elemento costruttivo.
Durante la presentazione del progetto, già dalle prime immagini della struttura, tutti hanno riconosciuto la vite che circondava l’edificio e hanno approvato all’unanimità il progetto perché vi si riconoscevano.

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas