THE TREE

MAG

Strange Tensegrity Table 2 di DDAA

DESIGNER:

DDAA

PHOTO:

Kenta Hasegawa

ANNO:

2018

PRODUZIONE:

Giappone

LINKS:

DDAA, @daisukemotogiKenta Hasegawa

Non esiste un materiale poco attraente

Questo progetto si basa su un’idea che abbiamo provato per la prima volta sui tavoli che abbiamo progettato per la sede della mostra Experimental Creations (2017) incentrata su esperimenti materiali e processi di creazione. Poiché dovevamo realizzarli a basso costo e lavorare con filo fornito dal cliente, abbiamo deciso di realizzare una varietà di cose utilizzando filo e impugnature. Anche se abbiamo capito che le opere fondamentalmente esposte erano le star dello spettacolo e che i tavoli erano solo attori secondari, abbiamo cercato un modo per introdurre in qualche modo alcuni elementi “sperimentali”. All’inizio, stavamo pensando di utilizzare il filo per fissare la parte superiore del tavolo, ma come soluzione economica, ci è venuta l’idea di utilizzare una struttura di tensegrità del filo con elementi di compressione fatti di merci economiche prodotte in serie per riparare il superiore. Dopo aver sperimentato diversi materiali, abbiamo finalmente optato per una scopa di plastica, che è generalmente considerata molto economica e poco attraente. Così come non esiste un colore poco attraente, non esiste un materiale poco attraente. Ciò che conta è come li usi e come combinarli. Se riusciamo a riformulare qualcosa che era considerato poco attraente come attraente, potremmo essere in grado di rendere il mondo un posto migliore senza dover creare qualcosa di nuovo da zero.

La struttura tensegrità, coniata dalle parole “tensione” e “integrità”, è stata proposta dallo scultore Kenneth Snelson e dall’architetto Buckminster Fuller. È un sistema molto razionale e la proporzione complessiva è determinata quasi automaticamente dalla lunghezza degli elementi di compressione. Sfruttando il sistema razionale, ci si può divertire a sperimentare con materiali giocosi che gli ingegneri non usano spesso. È meraviglioso vedere come oggetti familiari e dall’aspetto piuttosto stupido vengono tenuti in posizione in base alle dinamiche calcolate. La cosa interessante della struttura tensegrità è che si adatta per approssimare una sfera quando cerca di stabilizzarsi. In altre parole, cerca di muoversi verso una forma molto stabile. E se si cambia uno dei membri di compressione, la forma complessiva cambia perché il bilanciamento cambia a seconda del tipo di materiale. In altre parole, le variabili determinano la composizione complessiva. Abbiamo pensato che saremmo stati in grado di seguire la regola generale nel modo più semplice fornendo un design che evidenzi simbolicamente i cambiamenti.

Con questo in mente, abbiamo deciso di cambiare solo uno dei membri di compressione nella realizzazione del secondo tavolo basso. In tal modo, ci è venuta l’idea di utilizzare legname galleggiante e “shareboku” (che significa legno battuto dalle intemperie) come elemento di compressione. Shareboku è un termine in ikebana (composizione floreale giapponese) che si riferisce a rami duri privati ​​della corteccia. La forma complessiva è determinata in base ai cambiamenti del materiale e delle dinamiche. Il materiale cambiato dal filo è incorniciato dal poliedro che assomiglia a un triangolo diviso, e sembra essere liberato dalla gravità perché gli elementi di compressione nelle strutture di tensegrità fluttuano caratteristicamente nell’aria.

Abbiamo anche progettato un’altra versione utilizzando una pala perfettamente normale. Abbiamo ricercato prodotti standard per trovare la pala migliore, che avesse un manico in acciaio per resistere alla tensione del filo e non fosse troppo lunga o corta per le dimensioni del tavolo basso. Come accennato nella sezione su FRAME (p.059), è un’esperienza interessante apprezzare consapevolmente una pala perfettamente normale. Aspiriamo a progettare il maggior numero possibile di modi per guardare le cose che renderanno le scene di tutti i giorni e le cose improvvisamente un po ‘meglio di prima.

Citazione di Daisuke Motogi Continuous Design: Strange DIY Manual (Shobunsha)

Testo fornito da Designer

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas