THE TREE

MAG

Second Wind di James Turrell fotografato da Simone Bossi

Second Wind di James Turrell fotografato da Simone Bossi

Second Wind di James Turrell fotografato da Simone Bossi

[vc_row][vc_column width=”1/4″][vc_column_text]

AUTORE:

Simone Bossi[/vc_column_text][vc_column_text]

CLIENTE:

Progetto personale[/vc_column_text][vc_column_text]

PHOTO:

Simone Bossi[/vc_column_text][vc_column_text]

ANNO:

2017[/vc_column_text][vc_column_text]

LINKS:

Simone Bossi[/vc_column_text][vc_column_text]Durante uno dei suoi viaggi, Simone Bossi è andato a Vejer de la Frontera ed ha fotografato l’installazione Secon Wind che James Turrel ha realizzato per la fondazione NMAC nel 2005[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”3/4″][vc_single_image image=”16027″ img_size=”full” css=”.vc_custom_1563186031973{margin-bottom: 0px !important;border-bottom-width: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;}”][vc_column_text css=”.vc_custom_1566894489751{margin-top: 0px !important;border-top-width: 0px !important;padding-top: 0px !important;}”]

Second Wind by James Turrell – 2005 Vejer de la Frontera, Spain – Photo: SIMONE BOSSI

[/vc_column_text][vc_column_text]

Ci puoi parlare di questo tuo progetto?

È stata un esperienza bellissima che ho fatto su pellicola. Mi sono trovato in nel parco quasi per caso, c’era questa luce intensa e bella proiettata. Le immagini sono molto rigorose, ma sono state fatte a mano libera.

Un po’ come per il progetto su Borromini di San carlino alle Quattro Fontane ho cercato di seguire un flusso, di respirare l’architettura e quei momenti. Qui c’era una forte manifestazione del vuoto, dello spazio.[/vc_column_text][vc_single_image image=”16025″ img_size=”full” css=”.vc_custom_1563186047680{margin-bottom: 0px !important;border-bottom-width: 0px !important;padding-bottom: 0px !important;}”][vc_column_text css=”.vc_custom_1566894852283{margin-top: 0px !important;border-top-width: 0px !important;padding-top: 0px !important;}”]

Second Wind by James Turrell – 2005 Vejer de la Frontera, Spain – Photo: SIMONE BOSSI

[/vc_column_text][vc_column_text]Sentivo come la luce trapassasse il vuoto, quasi come se fossero degli scheletri. Ad un certo punto succede qualcosa di magico e sei pronto a fare lo scatto nel luogo. C’è quasi troppa magia da gestire tutta insieme.

Tu sei lì da solo che occupi il vuoto, è veramente un’esperienza 1 a 1. Le mie foto hanno cercato di trasmettere la sensazione di vivere in prima persona questa esperienza. L’intento era quello di trasfigurare un’esperienza naturale all’occhio umano.[/vc_column_text][vc_gallery type=”image_grid” images=”16024,16025,16026,16027″ img_size=”100×100″ onclick=”kalium_lightbox”][vc_column_text]

Tratto dalla nostra intervista a Simone Bossi

[/vc_column_text][lab_divider title=”ULTIMI ARTICOLI”][lab_portfolio_items category_filter=”no” columns=”3″ portfolio_query=”size:9|order_by:date|post_type:,portfolio|tax_query:1186,1454,1358,1444,1188,1446″][/vc_column][/vc_row]

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas