PPAA: l’architettura generata dall’intenzione

Maggio 2020

NOME:

PPAA

INTERVISTA di:

Andrea Carloni 

LINKS:

PPAA

Più che movimenti storici siamo veramente ispirati dalla natura

crediamo fermamente in un’architettura che si basi su intenzioni, concetti, sentimenti

Pablo Pérez Palacios è il fondatore e direttore di PPAA – Pérez Palacios Arquitectos Asociados. Durante l’intervista Pablo Pèrez parlerà dell’importanza delle idee che generano il progetto e di come il progetto stesso possa diventare un diffusore di concetti. PPAA è molto attento nella selezione dei materiali e preferisce l’uso di quelli grezzi e naturali. Un altro obiettivo importante dello studio è il rapporto con il cliente e la costante ricerca per comprendere le sue esigenze.

Pablo Pérez Palacios principal of PPAA

Come è nato PPAA Pérez Palacios Arquitectos?

Tutto ha inizio quando ho vinto un concorso privato per progettare un edificio per uffici e un magazzino per un’azienda tessile, da quel progetto insieme al mio partner precedente abbiamo fondato lo studio DCPP e dopo 10 anni ottimi  ho deciso di continuare il viaggio da solo ed ho fatto nascere PPAA.

PPAA, Prototipo de Vivienda INFONAVIT, 2017, Coahuila, Mexico PH: Rafael Gamo

Hai persone o movimenti storici che ritieni importanti per la tua formazione professionale?

Più che movimenti storici siamo veramente ispirati dalla natura, per quanto riguarda le persone che ammiriamo siamo stimolanti dal lavoro di molte, spesso collocate in epoche e contesti diversi, sicuramente il lavoro di Peter Zumthor è molto presente nella nostra pratica.

PPAA, Casa Aculco, 2017, Aculco, Mexico

Nel tuo manifesto leggiamo che vuoi un’architettura di idee piuttosto che un’architettura di forme. Potresti spiegare questo concetto?

Sì, crediamo fermamente in un’architettura che si basi su intenzioni, concetti, sentimenti, atmosfere in altre parole idee, ciò a cui ci riferiamo come idee è un’architettura che potrebbe esprimere a sua volta intenzione o idee. Prima di iniziare un progetto, iniziamo esprimendo a parole ciò che vogliamo trasmettere, ciò che il progetto vuole riflettere, creare, generare in tutti i termini e dopo di ciò lo traduciamo in una forma architettonica.

Ad esempio, alla Quinta, dopo molte conversazioni con il cliente, volevamo che il progetto generasse una sensazione di pace, protezione, isolamento, calma ecc. E da lì iniziamo.

La forma, i materiali, il modo architettonico di risolvere lo spazio, ecc. Vengono sempre dopo e rispondono sempre all’intenzione o idea iniziale.

PPAA, La Quinta, 2018 - San Miguel de Allende, México PH: Rafael Gamo

Hai qualche materiale preferito?

No, ma ciò che abbiamo è l’ossessione di usarli nel modo più crudo o naturale possibile.

PPAA, Casa Campanario, 2016, Querétaro, México PH: PPAA Pérez Palacios Arquitectos, Alfonso de la Concha

Che tipo di relazione hai con la tecnologia?

Lo comprendiamo come uno strumento per realizzare un’architettura migliore e lo vediamo anche come una realtà che ha e continuerà a cambiare il modo in cui ci relazioniamo tra noi e il nostro ambiente naturale.

PPAA, La Quinta, 2018 - San Miguel de Allende, México PH: Rafael Gamo

Che tipo di relazione hai con i proprietari quando progetti una nuova casa?

Molto personale, la casa dovrà essere abitata da loro non dall’architetto, ognuno di noi vive e comprende la vita in un modo molto personale, quindi agiamo più come traduttori che interpretano il loro modo di vivere.

PPAA, Tlalpuente, 2015, Mexico City, Mexico PH: Alfonso de la Concha

sicuramente il lavoro di Peter Zumthor è molto presente nella nostra pratica.

Prima di iniziare un progetto, iniziamo esprimendo a parole ciò che vogliamo trasmettere

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas