The Coaf Smart Center di Paul Kaloustian

PHOTO:

image ©Paul Kaloustian

ANNO:

2018

LUOGO:

Lori Province, Armenia

Il campus SMART è una nave per l’empowerment per ancorare la nostra gioventù nelle loro terre ancestrali in cui possono condurre una vita prospera. Allo stesso tempo, è un portale che li collega in modo da tenere il passo con i progressi in tutto il mondo. L’edificio nel suo complesso ha dovuto incarnare questi vari aspetti. Questa struttura contemporanea è un passo verso la dimostrazione che possiamo migliorare le condizioni di vita e elevare le nostre comunità. L’architettura è un inno al paesaggio, la terra dell’Armenia. Il fondo Children of Armenia (COAF) prevede di espandere le proprie opere di comunità con l’iniziativa SMART. L’obiettivo è quello di fornire programmi educativi, sociali, economici e comunitari di livello superiore e regionali rilevanti nelle aree rurali, con particolare attenzione a tecnologia, sostenibilità, arte, musica, assistenza sanitaria moderna e stile di vita, linguistica e lingue, impegno economico e civico. SMART deve operare su programmi avanzati sviluppati dalla COAF sulla base di modelli che hanno tracciato il successo in 22 diversi villaggi nelle regioni dell’Armenia di Armavir e Aragatsotn nell’ultimo decennio. Rivolgendosi alle regioni rurali, questi campus rispetteranno l’integrità dell’estetica rurale in sintonia con il design architettonico contemporaneo, mantenendo l’autenticità della regione, incoraggiando al contempo l’ideologia progressista. Ogni campus utilizzerà un design sostenibile e verde, dai componenti della rete e dalle energie rinnovabili. Avranno aule, postazioni sanitarie, studi, sale computer, punti di incontro, un auditorium per spettacoli e presentazioni, biblioteche, ristoranti e vari spazi per diverse attività al chiuso e all’aperto che vanno dagli sport ai divertimenti e alle arti, all’agricoltura e ad altri laboratori per allenarsi e consentire allo stesso modo di sviluppare bambini, giovani e adulti. I campus accoglieranno anche i partecipanti al programma e i collaboratori in visita nei suoi alloggi per gli ospiti. Il primo campus Smart Center si trova nella provincia armena settentrionale di Lori. Provincia di Lori, Armenia. Il paesaggio domina i sensi di tutti coloro che attraversano i corridoi degli altipiani. Stands of trees punteggiano le colline e in qualche modo si trasformano in punti di riferimento della campagna. Era inevitabile seguire la lingua che esisteva già: segnare la valle con una presenza organica armoniosa adattata al paesaggio mimando l’atto dei gruppi di alberi. Allo stesso tempo, questa presenza doveva avere una propria identità per differenziarla dal resto e renderla un vero e proprio punto di riferimento a sé stante all’interno degli stand degli alberi. Tuttavia, invece di scegliere di enfatizzare l’architettura come punto di riferimento, il paesaggio doveva essere il punto di riferimento. Per ottenere ciò, la struttura dell’architettura abbraccia il paesaggio creando una sinuosa passerella a forma di nastro attorno a un immenso cortile. L’edificio al piano terra si estende orizzontalmente seguendo la forma del terreno. Così facendo, l’architettura del campus stabilisce una nuova lettura della natura e della struttura creando un’ambiguità tra sé e ciò che lo circonda. Genera un ambiente, invece di generare un edificio, dove il paesaggio abbracciato diventa una celebrazione dell’ambiente rurale. Il visitatore arriva all’edificio principale, un invitante spazio concavo protetto. Entrano in un recinto che si apre su un nuovo spazio immerso nella luce. L’immenso cortile oltre il vetro trasparente sembra un’estensione dell’interno. Il volume si assottiglia lentamente e si disintegra in una passerella a cielo aperto intorno al cortile. Mentre dal recinto il paesaggio sembra essere parte dell’interno, dal cortile, l’immensa dimensione del paesaggio rende minuscola la struttura. Oltre la struttura principale del campus, una parete a strapiombo incastonata nel paesaggio discendente segna l’ingresso di una casa degli ospiti. La parete pura prende volume quando il visitatore entra attraverso il cancello. A sua volta, il volume si frantuma in un’estensione verso il paesaggio che si dipana oltre la sua lunga facciata vetrata. Allo stesso modo, le amenità punteggiano il paesaggio del campus come piccoli contenitori cilindrici senza soluzione di continuità che nascondono al loro interno estensioni di immensi spazi esterni. Questo gioco di scala contraddittorio tra paesaggio e edificio, sfuma tutti i confini visivi. La miscela diventa un linguaggio architettonico essenziale destinato a cancellare le tracce dell’architettura dal paesaggio e in cambio il paesaggio adotta l’architettura come un’estensione di se stessa.

RECENT IN ARCHITECTURE