Salt Chair di Gregory Beson

AUTORE:

Gregory Beson

PHOTO:

image ©Gregory Beson

ANNO:

2019

PRODUZIONE:

New York, U.S.A.

Fatto di 76 blocchi di sale rosa dell’Himalaya da una grotta nel nord del Pakistan. Scolpito a New York e presentato come parte della mostra collettiva “In Good Company” (@igc.design) a cura di Rossana Orlandi (@rossana_orlandi) e Fernando Mastrangelo (@iamfm).
Il mondo in cui viviamo è fatto di materiali; formata naturalmente dalla terra o derivata dall’uomo da questi materiali presenti in natura. Il nostro mondo è stato drammaticamente modificato dall’intervento umano. Mentre possiamo leggere questi materiali con i nostri sensi; segnali semantici, preferenze estetiche, colore, luce, densità percepita, odore e gusto siamo tutti in grado di identificare di cosa è fatto veramente il nostro mondo? Siamo in grado di calcolare il costo per la terra e l’ambiente? Questa sedia cerca di riflettere la nostra complessa relazione con il mondo naturale e le sue risorse. Un materiale mono, un modulo architettonico (mattoni), un minerale naturale, riferimenti religiosi, conservazione e teorie della guarigione. Nel mondo attuale in cui viviamo. Il sale dal Pakistan può essere consegnato tramite Amazon Prime, per l’assemblaggio di una sedia. Lo diamo per scontato e non dovremmo.

RECENT IN DESIGN