PAN-cabins di Espen Surnevik

AUTORE:

Espen Surnevik

IMAGES:

image ©Rasmus Norlander,
Espen Surnevik

ANNO:

2018

LUOGO:

Gjesåsen, Åsnes, Hedmark, Norway

Le cabine Pan sono realizzate con l’intenzione primaria di studiare le possibilità di utilizzare l’acciaio e il metallo in diversi modi. La struttura primaria della cabina è realizzata con elementi in acciaio saldati e imbullonati. Oltre agli elementi ovvi, l’acciaio viene utilizzato anche per diversi elementi interni e dettagli che potrebbero anche essere stati costruiti in altri materiali come ad esempio il legno. È stato un desiderio usare l’acciaio come tipo di linguaggio per dare un’espressione globale di tecnologia in contrasto con le foreste in cui si trovano le cabine.
Il rapporto tra natura e tecnologia è anche descritto nelle cabine nel contrasto tra le parti metalliche estremamente precise e gli interni in legno di pino. Il legno è l’antico modo di costruire la tradizionale architettura norvegese, il lamento del metallo industriale rappresenta l’era moderna. Trovo questa dualità interessante come un paradosso che collega il progetto sia al passato che al futuro.
La struttura principale in acciaio, che trasporta le cabine, presenta un complesso ancoraggio al substrato roccioso sottostante. Lunghe barre d’acciaio vengono forate e fissate a sei metri di profondità nel substrato roccioso sottostante. Questo è un must per la struttura al fine di evitare che le cabine si rovescino con forti venti.
Il progetto sfrutta la fantastica possibilità della resistenza dell’acciaio. Un esempio è la scala in cui le piastre in acciaio da 1,5 mm sono forate in una maglia diagonale molto leggera e resistente. Le piastre forate formano un cilindro completo che copre l’intera scala. Il cilindro diventa una struttura a tubo che stabilizza l’intera scala come una costruzione separata e autoportante. In questo modo la scala non è appoggiata sul cottage ma si sta portando da sola.
Ringrazierò il mio devoto cliente e tutti gli ingegneri e artigiani che collaborano che hanno collaborato con me alla realizzazione di questo progetto.

RECENT IN ARCHITECTURE