Mr. Barrett’s House di Daniel Zamarbide

PHOTO:

image ©Dylan Perrenoud

ANNO:

2019

LUOGO:

Geneva, Switzerland

L’architettura interna potrebbe dare un nome al processo attraverso il quale il presidente Barrett’s House ha vissuto. Un’idea interessante, presa direttamente in prestito dal mondo medico, sarebbe quella di chiamarci internisti in questo tipo di intervento chirurgico. Tutto è stato sviluppato dall’interno. C’è una logica chiara per farlo quando l’architettura deve affrontare spazi di intimità, luoghi in cui la privacy e l’interazione e la complessità delle relazioni umane appaiono nel suo ambiente meno pubblico. Si tratta quindi di interiorità. E il progetto ha letteralmente preso questi criteri come punto di partenza per sviluppare la sua concezione e costruzione. Un vecchio garage che è stato diviso in un seminterrato per auto e un piccolo appartamento al primo piano è stato completamente svuotato e lavorato dall’interno. Lo chalet in legno superiore è stato interamente sollevato, collocato sul lato dell’edificio reale e poi rinforzato, ri-strutturato. Solo dopo questa operazione è stata rimessa nella parte superiore del seminterrato. I due piani sono collegati spazialmente attraverso una serie di sezioni relativamente complesse che creano una ricchezza di percezione e una sensazione di spazio all’interno del piccolo volume. BUREAU sviluppa la maggior parte dei progetti domestici concentrati sulla creazione dello spazio, creando vuoti in cui gli abitanti possono sperimentare la sensazione corporea di proiettare la propria percezione nello spazio. L’obiettivo di questo è creare interiorità, ricchezza, esperienze percettive che possano semplicemente arricchire l’esperienza abitativa. Nel caso della casa di Mr. Barrett, una nuova atmosfera di legno (legno di betulla) all-over viene “iniettata” nel volume, composto ora da due piani interi. Le connessioni spaziali sono favorite, migliorate, ma in modo sottile per produrre una molteplicità di punti di vista. La casa cerca di essere un attore dinamico per i futuri abitanti, per partecipare alla vita quotidiana degli utenti. Poiché la casa non è stata costruita per un utente specifico, è stato nominato un personaggio immaginario per abitare il progetto: Mr. Barrett. È il protagonista del film complesso di Joseph Losey, The Servant. Nello scenario (scritto da Harold Pinter) la casa è l’opera in cui compaiono una serie di relazioni molto complesse e intime. Gli spazi interni sono costantemente utilizzati come palcoscenici per le dinamiche relazionali. Specchi e molteplici punti di vista sono mostrati nel film; l’appartamento ha un ruolo molto attivo nella costruzione del dramma. Nel nostro caso, non c’è dramma ma una potenziale occupazione del piccolo spazio che funge da trama per un “film di vita reale” per entrare in casa. In termini di conservazione e ristrutturazione, il carattere palinsesto di un tale edificio è completamente assunto. La sua storia e natura sono fatte di strati successivi che formano la sua vita. Questo è uno dei motivi per le creazioni di fori rotondi nella facciata. Affermano la loro contemporaneità che sparirà col tempo e diventerà parte della natura vernacolare dell’edificio. È un processo in continua evoluzione che accetta il tempo. L’interno è affrontato con cura e delicatezza, specialmente nei dettagli così importanti di uno spazio così intricato. Tra le altre caratteristiche, la scala all’interno di una delle stanze superiori fa un riferimento diretto allo studio di Aby Warburg degli indiani Hoppi.

RECENT IN ARCHITECTURE