Le Cours des Arts, Living Diversity in Beauregard di a/LTA

AUTORE:

a/LTA

PHOTO:

image ©S. Chalmeau

ANNO:

2018

LUOGO:

Rennes, France

LINKS:

a/LTA, S. Chalmeau

Beauregard (splendida vista) prende il nome dal punto di vista privilegiato su cui si trova e che offre una vista distante tra le valli dei fiumi Ille e Vilaine. Per ovviare appieno a ciò, basta arrampicarsi sulla cima dell’edificio residenziale situato all’estremità meridionale del triangolo della nuova Cours des Arts progettata dall’architetto di Rennes, a / LTA. A tali altezze che favoriscono il viaggio, il grande paesaggio può essere preso dalla parte posteriore di questa cabina di guida urbana.
Per costruire questo diverso insieme di unità abitative che combina un aspetto sociale e le possibilità di acquisto di abitazioni, il team di gestione del progetto NEOTOA ha coraggiosamente affrontato la sfida di creare un “complesso residenziale intergenerazionale”. Nel 2013, gli architetti Maxime Le Trionnaire e Gwénaël Le Chapelain hanno realizzato questo programma pensando a un nuovo tipo di comunità.
Una vera sfida, organizzata attorno a un cortile comunale centrale, che sei anni dopo sarebbe diventato studi e giardini per artisti, nonché 119 unità abitative, 8 delle quali hanno spazi “condivisi”, tra 9 e 11 mq. ciascuno, che fa davvero risaltare questo progetto. Sono camere per gli ospiti, sale giochi, giardini d’inverno? Sono un po ‘di tutte queste cose e hanno finestre ad arco di circa un metro di profondità; in sostanza, tutto ciò di cui potresti aver bisogno per sentirti a casa dietro questi parabrezza sospesi.
Come ricreare la vita del villaggio o piuttosto la vita del villaggio, su un blocco ricavato dai piani della ZAC (Concerted De-velopment Area), e nel frattempo, rispettando la densità della trama e le regole di altezza? E senza chiuderlo troppo per evitare che gli abitanti debbano dire all’esterno: “Qui, non viviamo come te”. Seguendo la linea tracciata dalla siepe, l’apertura nel paesaggio diventa di conseguenza l’elemento centrale del progetto; le tre costruzioni consentono di liberare spazio nel cuore del blocco. Ciò che resta da fare è lavorare su questo “spazio vuoto costruito”. È qui che si trovano le poste principali della vita di questo progetto futuro.
Questo “spazio vuoto costruito” separa quanto unisce gli edifici. E deve cercare di riconciliare spazialmente, a modo suo, la costante tensione che esiste in tutti noi, intrappolata come siamo nella nostra vita quotidiana, tra passare del tempo con la nostra comunità o con noi stessi. Come organizzare edifici opposti e la vicinanza sarà una questione chiave. Anche se la diversità non può esistere senza proteggere l’intimità, senza stabilire l’autonomia di tutti e la libera scelta di incontrarsi e trascorrere del tempo insieme.
La distribuzione casuale delle case e degli studi degli artisti crea spazi evidentemente favorevoli all’interazione perché si rompono con l’effetto panottico che sarebbe stato dato, senza la loro presenza, a questo ampio spazio aperto circondato da tumuli. Troppa visibilità di ogni spazio potrebbe far sembrare quegli spazi meno favoriti come se fossero “esposti” o “esibirsi” da soli e, quindi, diventare un ostacolo all’interazione sociale.
L’uso degno di nota dell’acciaio resistente agli agenti atmosferici, apparentemente insolito per Rennes, evidenzia gli elementi chiave del progetto. È stato utilizzato sia sui corrimani del balcone che sulle case. La linea tracciata da questo materiale specifico fa eco al design generale di questo blocco poroso e attraversabile. Potrebbe essere un nuovo tipo di falange? Se prendiamo anche in considerazione la sala per il tempo libero che ospita servizi di lavanderia comuni, questo progetto riaccende, a modo suo, un discorso utopico e apre una potenziale riconciliazione con tali ideali.

RECENT IN ARCHITECTURE