EOH IT Hub in Prague di Studio Perspektiv

“Abbiamo iniziato con l’idea di fondere due scale opposte: la microscopica e la macroscopica: le cellule devono dividersi per moltiplicarsi, crescere e specializzarsi correttamente, lo spazio, per noi, significa infinite opportunità e visioni, è pieno di creatività e immaginazione “, afferma Martin Stára, fondatore e managing partner di Studio Perspektiv.
“Ispirati dai vari e distinti fenomeni di ogni scala, comunichiamo l’idea attraverso strutture organiche, superfici anorganiche, pareti semitrasparenti e membrane, raggi laser e una tavolozza di colori assortiti di una galassia molto lontana”, aggiunge Jan Antal, managing partner e autore del progetto.
– Organismo multicellulare
Lo spazio ufficio a due piani si trova nell’edificio Main Point a Praga, Pankrác. Gli autori del progetto hanno già costruito diversi piani di uffici in questo oggetto. Questa volta hanno deciso di testare i suoi limiti. La forma organica della casa ha permesso loro di giocare una varietà di associazioni con l’universo vivente e inanimato.
Venti nidi antracite scendono dai soffitti in cemento. Dividono lo spazio in base all’importanza e alla funzione, in camere irregolari di dimensioni diverse. La sovrastruttura a nido d’ape è completata da forme cristalline di sale riunioni e strutture tecniche. Queste forme seguono liberamente l’ordine di base dello spazio. Di tanto in tanto escono di lato, si allungano o si contorcono qua e là. I pavimenti, a volte elevati, organizzano vasti spazi aperti in auditorium e palchi, caffè e cucine. Gli uffici EOH sono un ammasso di cavità, camere, divisioni e celle, una capsula di Petri di spazio scorrevole.
– Navicella spaziale
Riflessi, trasparenza, glitch, specchi. Luce protagonista e sue proprietà. I profili a linee sottili, che vengono installati non solo nelle aree comuni e nei corridoi, ma anche nelle sale riunioni e in alcuni ambienti di lavoro, vengono moltiplicati in piastrelle di acciaio inossidabile e superfici scure di lacobel. In alcuni punti, scivolano nel soffitto a stecche, da qualche parte essi stessi creano un soffitto. Nel frattempo, il luccichio dei corpi luminosi dalla forma ideale scende sul bancone del bar.
Un angolo di 45 gradi di impiallacciatura di quercia prende in giro la gravità e in parte simula la libertà di movimento in uno stato senza peso. Gli armadi da cucina sono progettati per resistere all’impatto dei corpi spaziali. Le piastre di acciaio ricotto si susseguono con precisione, il materiale è senza macchia – rimane solo la sua essenza astratta. La porta si apre al tocco, le maniglie rendono obsolete.
I pannelli per pavimento in acciaio inossidabile di grande formato sono stati trattati con un getto d’acqua per formare una solida superficie metallica. Le pareti vetrate con cornici incassate nei pavimenti e nei soffitti lasciano spazio alla massima trasparenza. Una cura adeguata è stata data anche ai soffitti esposti. I cablaggi e il cablaggio tecnologico sono disposti in modo preciso, seguendo la griglia degli apparecchi e copiando i bordi dei singoli nidi d’ape.
Il progetto dell’ufficio EOH guarda con sicurezza al futuro luminoso dell’umanità. Grazie alla stretta collaborazione con il cliente, gli autori sono riusciti a realizzare un’opera che porta diversi significati e trascende la categoria tipologica profana chiamata “ufficio”. È un guanto buttato giù per tutto il pubblico IT dell’intera galassia.

RECENT IN ARCHITECTURE