Elemental House di Ben Callery Architects

RECENT ARCHITECTURE

PHOTO:

image ©Dave Kulesza

ANNO:
LUOGO:

High Camp VIC 3764, Australia

Elemental House è un ritiro completamente autosufficiente ad un’ora a nord di Melbourne. In cima alla cresta di una collina scoscesa, il sito ha una vista mozzafiato, ma è anche soggetto al più duro degli elementi australiani: sole, vento e la sempre presente minaccia di incendio boschivo. Ma piuttosto che rifuggire, questa casetta audace affronta e abbraccia gli elementi, lavorando con loro per creare una casa naturalmente confortevole che immerge i suoi occupanti nel paesaggio. ‘Elemental’ si riferisce a un rapporto con le forze della natura ma parla anche di un desiderio di semplicità: una forma geometrica astratta e una gamma di materiali ridotta, mentre cerchiamo un’espressione architettonica che incarna lo spirito di libertà, avventura e minimalismo che è sinonimo di “off-grid”. Il sito è grezzo e ventoso. Arrivando dalla città, si percepisce in modo udibile e visivamente un senso di silenziosità che accresce i tuoi sensi. Questa tranquillità fornisce spunti per l’architettura. I nostri clienti hanno chiamato il sito ‘Woora Woora’ che significa ‘Sky’ nel dialetto locale. Qui fuori, il cielo è espansivo e bello, ma abbiamo un rapporto paradossale con esso. Fornisce tutto ciò di cui abbiamo bisogno per uscire dalla rete, ma impone anche quegli elementi duri che rendono questo posto inospitale  con venti fino a 140 km/h e il sole caldo. Sotto questo grande sole caldo ti ritrovi attratto dall’ombra dei pochi alberi solitari sul sito, bramando il rifugio in un modo primordiale. Questo desiderio intuitivo di protezione ha ispirato la nostra risposta. La forma è una geometria audace. Basso, orizzontale e tozzo, è rinforzato per l’impatto. È un’espressione elementare del rifugio che cerchiamo dall’alto. Il grande baldacchino sovrasta l’edificio in modo drammatico. I grigi sono profondi in risposta al sole e grossi per resistere ai venti. La facciata orientale abbraccia le viste mozzafiato. Non ci sono porte su questo lato, la valle a strapiombo è semplicemente troppo ripida e inospitale. Invece un posto vicino al finestrino ti permette di occupare quel precipizio, immergendoti nel paesaggio. A nord e a sud, i ponti con vista sugli alberi nodosi ti portano sulla cresta. Con i venti prevalentemente settentrionali e meridionali, uno di questi ponti è sempre riparato. L’intero esterno è in legno Spotted Gum. Questo legno duro australiano è così resistente che soddisfa i requisiti del bushfire e non necessita di manutenzione continua. Può semplicemente diventare grigio con grazia, assestandosi tranquillamente nel suo paesaggio. La tavolozza interna è scura e lunatica, accentuando quella sensazione di rifugio cercata e trovata. Al contrario, la lucentezza riflessa del pavimento in cemento brunito e il soffitto in legno aumentano la luce ambientale e amplificano le vedute. I materiali sono minimi, riflettendo la quiete silenziosa del sito e il brief del nostro cliente per il minimalismo. La gomma maculata è soffitto e mobili. Il calcestruzzo è struttura, massa termica, piani di lavoro e focolare. Il rinforzo orientato del bordo del filo è appropriato come rivestimento di parete e fronti di armadietto. Completamente autosufficiente, la casa fornisce tutta la propria energia solare e l’acqua piovana per uso domestico.