THE TREE

MAG

Piano Nobile Loft & Round Wall Studio di alepreda architecture

ARCHITETTO:

alepreda architecture

PHOTO:

Ottavio Tomasini

ANNO:

2019

LUOGO:

Brescia, Italia

LINKS:

Questa ristrutturazione d’intestino apre e modernizza gli interni di due appartamenti in un palazzo storico fatiscente a Brescia, in Italia, ripristinando l’originale grandezza degli spazi. È interessante notare che le unità sono posizionate su piani successivi, condividendo, per così dire, la stessa sagoma perimetrale. In virtù delle loro diverse altezze del soffitto, tuttavia, generano risposte architettoniche discrete. Al secondo piano, il Piano Nobile Loft si espande in verticale, sfruttando il soffitto alto 4,4 metri. Il Round Wall Studio, al terzo piano, si sviluppa orizzontalmente con una serie di tramezzi ad altezza parziale.
Entrambi gli appartamenti erano in uno stato di completo abbandono ed erano suddivisi in più piccole stanze, molte senza accesso alla luce del giorno.
Molte delle caratteristiche più emozionanti dell’architettura originaria, come le travi primarie decorate e il soffitto in legno a cassettoni, sono state nascoste da controsoffitti in gesso e si sono rivelate in fase di demolizione.

Strutturalmente, gli appartamenti erano malsani: le travi centrali in legno che coprivano la larghezza del Piano Nobile Loft e la lunghezza del Round Wall Studio erano entrambe cadenti. Inoltre, diverse travi secondarie erano state tagliate a caso per fare spazio alle canne fumarie e non erano supportate. L’installazione di colonne in acciaio, staffe e massetti rinforzati ai piani ha affrontato questi problemi.
Per luce e aria, ogni unità poteva contare solo su due grandi finestre affacciate sulla strada e nessuna delle utenze era a norma.
La strategia dell’architettura ha riportato il senso della scala degli ambienti originari, garantendo allo stesso tempo un’allocazione ben definita ed efficiente dei programmi residenziali. Gli “oggetti” murari all’interno dello spazio – il cui linguaggio formale contemporaneo crea un contrappunto alla trama esistente del tessuto storico – assicurano la separazione di tali programmi. Questi elementi vivono in una scala tra architettura d’interni e mobili.

Per consentire alla luce di viaggiare il più in profondità possibile nella stanza, questi “oggetti” sono ad altezza parziale. Un muro perimetrale in cartongesso ispessito e allineato al dato stabilito dai tramezzi ad altezza parziale affronta le irregolarità delle pareti esistenti. Inoltre, crea una cavità per i servizi (elettrici/idraulici) e un ripiano per esposizione.
Al Piano Nobile Loft, l’intervento ha lasciato ininterrotta la maggior parte del piano del soffitto, ricreando la scala espansiva dello spazio originario, che inizialmente era il soggiorno principale del Palazzo. Formalmente i volumi bagno e soppalco si esprimono come oggetti inseriti e ad incastro all’interno di questo tessuto storico. Il volume ammezzato risolve due scopi. In primo luogo, funge da “superwall” di stoccaggio contenente varie nicchie di stoccaggio con armadi, scaffalature, ecc. In secondo luogo, ospita una camera da letto rialzata a cui si accede tramite una scala e si affaccia sullo spazio abitativo. Qui, la solida ringhiera in cartongesso ispessito funge anche da testiera e comodino.

Al Round Wall Studio, le partizioni ad altezza parziale – una rotonda, una rettangolare – e un volume a forma di L che ospita il bagno/cabina armadio separano lo spazio e implicano stanze senza suddividerle completamente. La partizione rotonda crea un’accogliente sala da pranzo con un tavolo rotondo su un lato e separa la cucina. La parete divisoria rettangolare che separa il soggiorno dalla camera da letto funge da testiera da un lato e da nicchia TV/radiatore sul lato opposto.
L’arredamento è scarso ma curato. I mobili in rovere e bianco del Loft si abbinano alla lavorazione e alla cucina in rovere personalizzate, mentre il nero ebanizzato allo Studio crea contrasto. Molti dei mobili nelle immagini sono progettati da alepreda per miduny furniture (l’azienda sorella dello studio). I mobili di Miduny combinano forme senza tempo con materiali caldi e accenti stravaganti. Realizzati a Verona da maestri artigiani, questi pezzi esprimono una tensione tra la morbidezza dell’artigianato e la forma minimalista: questa tensione risuona con il gioco tra vecchio e nuovo alla scala architettonica.

Text provided by Architect

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas