THE TREE

MAG

LA Garage at Nike World Headquarters di SRG Partnership

ARCHITETTO:

SRG Partnership

PHOTO:

Andrew Pogue

ANNO:

2017

LUOGO:

Beaverton, Oregon, U.S.A.

LINKS:

Essendo il luogo in cui avviene il passaggio da conducente a pedone, il LA Garage di 409.000 piedi quadrati è un nesso di attività per le persone che arrivano al campus. “Venire al tavolo senza idee preconcette ha aiutato a realizzare l’innovazione”, osserva Jeff Yrazabal, Principal-incaricato della SRG Partnership. Il design rompe la tipica massa della struttura del parcheggio, offrendo opportunità per la luce del giorno e creando uno spazio “wow” nel mezzo: un cortile pubblico coperto scavato nel centro dell’edificio che incoraggia incontri casuali, incontri casuali e collaborazione.

Circondato da tre lati di vetro retroilluminato che mostrano iconici atleti olimpici, il cortile si affaccia sull’asilo del campus. I dipendenti ei loro figli possono sperimentare elementi giocosi incorporati nel design come uno scivolo nel cortile, piramidi gommate, una trave di equilibrio e una pista da corsa. Inoltre, nel cortile sono fornite biciclette per collegare facilmente le persone nello spazio al campus. “Questo è un luogo in cui le persone vengono presentate al campus per la prima volta”, osserva Yrazabal. “È dove i dipendenti iniziano e finiscono ogni giorno, quindi quell’esperienza deve essere qualcosa di speciale … non solo nella struttura del parcheggio, ma in tutte le aree esterne e gli spazi tra gli edifici.”

Il garage di LA non ha né l’aspetto né la sensazione di un garage. “Questo è il luogo in cui le persone vengono presentate al campus per la prima volta”, osserva Yrazabal. “Il concetto era che invece di avere una struttura grande e massiccia, avremmo iniziato a separare la struttura in edifici su scala più piccola per creare opportunità per penetrare nell’edificio con la luce naturale. In questo modo abbiamo creato tutti questi grandi spazi intermedi. Abbiamo fatto un brainstorming per trovare modi e momenti in cui potevamo abbattere la scala dell’edificio e concentrarci sull’intero aspetto del movimento e dell’esperienza… per creare qualcosa di speciale. Ciò ha aperto l’edificio a funzionare come luogo per eventi speciali, un modo per creare spazi che non hanno nel campus in questo momento. Il risultato è un luogo dove centinaia di persone si incontrano, si riuniscono e festeggiano. È un valore aggiunto che la struttura del parcheggio porta al campus su scala più ampia”.

Incarnando il tema del movimento, che è la chiave della cultura progettuale del cliente, le pareti esterne sono inclinate e inclinate per conferire all’elaborata pelle dell’edificio di pannelli di metallo perforato e vetro una qualità dinamica mentre nascondono le auto all’interno. Allineare i pannelli secondo uno schema lungo una griglia diagonale crea un senso di inclinazione, facendo apparire l’edificio pronto a scattare in avanti. La stratificazione degli elementi della facciata fornisce sia una ventilazione naturale che aggiunge dinamismo al garage. “Le ondulazioni e i materiali hanno sicuramente un aspetto spigoloso, ma l’ammasso serve per la ventilazione”. Yrazabal aggiunge. “Il risultato ha autenticità perché l’architettura spigolosa è significativa ed è fatta in nome della performance”. Il tema del movimento ha ispirato anche il design del sito, che integra sport ed elementi di programmi funzionali che celebrano l’interazione, l’attività, il fitness e uno stile di vita sano.

L’orientamento è espresso in elementi di circolazione arancioni per auto e persone che fanno riferimento alle rivelazioni esterne dell’ammasso arancione. Gli ingressi pronunciati fungono da portali per creare un’esperienza olistica di ingresso, circolazione e uscita dal garage. Massimizzando questo spazio che ospita 1.130 auto con sicurezza ed efficienza, i passaggi pedonali separano i pedoni dai conducenti e guidano quelli a piedi verso il cortile. Ogni livello è tematizzato con supergrafiche e colori per una diversa squadra sportiva di Los Angeles, rafforzando il concetto generale e rendendo l’orientamento un’esperienza più facile e memorabile.

Text provided by Architect

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas