THE TREE

MAG

Hale Nukumoi di Walker Warner Architects

ARCHITETTO:

Walker Warner Architects

PHOTO:

Matthew Millman

ANNO:

2020

LUOGO:

Kauai, Hawaii,  U.S.A.

LINKS:

Hale Nukumoi è il rifugio sulla spiaggia hawaiano per eccellenza: aperto e casual, l’opposto del pignolo. Situato tra palme mature, il complesso è pronto per la famiglia e gli amici. Composto da una casa principale e una guest house, il sito dispone di un ampio cortile e piscina, oltre all’accesso alla spiaggia. Uno stile di vita indoor/outdoor è esemplificato dal design arioso della casa: grandi porte e pareti scorrevoli, un parapioggia personalizzato a due piani e piante a strati bilanciano le connessioni con la natura con la privacy.

La casa principale e l’adiacente guest house, entrambe strutture a forma di L, sono caratterizzate da strutture di base in cemento pigmentato a forma di tavola, con rivestimento in legno scuro delle parti superiori. I tetti a falda bassa si estendono per fornire sporgenze profonde offrendo spazi di transizione semi-protetti tra l’interno e l’esterno. La casa principale di 3.200 piedi quadrati è composta da un padiglione a un piano adiacente a un volume a due piani. L’ingresso della casa è in asse con il padiglione che si apre su entrambi i lati tramite pareti finestrate che fisicamente e visivamente la casa al paesaggio, oltre che alla piscina e alla spiaggia. Il padiglione e l’adiacente cucina e sala da pranzo offrono ampio spazio per la raccolta. La cucina è attrezzata per supportare feste e grandi riunioni di famiglia.

Gli arredi della zona giorno, grandi divani e tavolini, sono tutti su ruote, consentendo loro di essere facilmente riorganizzati o spostati sul lanai o sul bordo piscina per l’intrattenimento all’aperto. Una sala interna ed esterna collegata offre spazio per un bar all’aperto, un’area salotto e un grill all’aperto. Gli arredi sono modesti e confortevoli, offrendo un’efficienza simile a una nave. Pavimenti e pareti color sabbia attraversano l’interno, con soffitti e mobili rivestiti in legno in tinta con le travi del soffitto.

La guest house a due piani di 2.839 piedi quadrati presenta tutte le funzionalità della casa principale senza duplicare gli spazi. In gran parte dedicati alle camere da letto, le zone giorno e cucina sono modeste; le cinque camere da letto disposte tra i due piani. Al piano superiore c’è anche una sala ricreativa con tavolo da biliardo, bar, palestra e veranda coperta. All’esterno, un parapioggia in rete di rame aggiunge uno strato di privacy sul lato del parco della casa, mentre aiuta abilmente a mitigare il deflusso dal tetto.

Sabbia, roccia vulcanica e alberi si uniscono per stabilire una tavolozza sommessa e sofisticata di materiali e colori rispettosi della storia geologica e culturale delle isole.

Text provided by Architect

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas