THE TREE

MAG

Curved House di NOMO STUDIO

ARCHITETTO:

NOMO STUDIO

PHOTO:

Adrià Goula

ANNO:

2021

LUOGO:

Minorca, Spagna

 

Curved House è scolpita da un cubo solido bianco. I suoi confini rettilinei sono stati scolpiti con grandi sfere, risultando in una combinazione di geometrie lineari, curve e a doppia curvatura che definiscono sia i suoi spazi esterni che interni.
In contrasto con le sue morbide incisioni concave, incisioni verticali nette organizzano il programma in pianta. Le restrizioni di ingombro portano alla creazione di due terrazze nascoste sul tetto per l’osservazione delle stelle e le serate estive al cinema all’aperto.
Entrando in Curved House dal suo ponte superiore, si ha la sensazione di entrare in una stanza all’aperto, un esterno privato recintato dove la forte luce solare mediterranea rimbalza sulle sue pareti imbiancate. La vista mozzafiato sul mare è inquadrata più volte attraverso le aperture consecutive sulle pareti dei patii, creando così una sensazione di illusione.

Nonostante il suo aspetto compatto, il piano è disposto in sei livelli visivamente collegati che migliorano un flusso ininterrotto tra le sue piattaforme di passaggio. Fessure di luce tra le lastre allargano la nostra visione dello spazio e creano un unico spazio aperto continuo. La stessa tecnica viene utilizzata per portare la luce naturale nel seminterrato, trasformandone completamente la percezione.
Travi in ​​cemento a tutta altezza si estendono sul soggiorno e sul portico larghi 12 m. Da queste pareti strutturali sono state ricavate finestre in sequenza che funzionano come travi Vierendeel.
La zona giorno è concepita come un unico grande spazio che si dispiega, incorniciato dal gesto deciso di un arco superiore e inferiore. Sotto il suo portico a soffitto a doppia curvatura di 4 m di altezza ci si sente protetti dalle viste vicine, concentrandosi sul giardino e sul mare. Il piano terra non solo si adatta al terreno naturale, ma consente anche al soggiorno di guardare oltre il portico e bloccare il forte sole.

Questa villa con quattro camere da letto è accessibile sia dalla strada superiore che da quella inferiore. Dall’alto, un ponte con scale curve e corrimano in corda si libra sopra la ripida topografia, mentre dal basso si sale una scala a chiocciola intorno a una vasca circolare.
Entrare in casa attraverso il pavimento della camera da letto ha comportato una sfida che è stata risolta trasformando la hall in un luminoso patio interno/esterno e collegando senza soluzione di continuità il piano terra e il primo piano tramite una scala metallica molto ampia.

Commissionato a mano in una casa completamente arredata, particolare attenzione è stata posta nel design degli interni delle ville, i suoi materiali e dettagli. La natura introversa dei clienti si riflette nell’architettura, dove la luce naturale entra attraverso patii e grandi lucernari posti sopra le docce. Cemento, terracotta, legno chiaro, tende turchesi e pareti bianche si mescolano in una combinazione di colori complementari esaltati da piante da interno e da patio.
Le specie locali sono state utilizzate per creare un giardino selvaggio e a bassa manutenzione con una piscina circolare e un solarium in legno che galleggia dolcemente sul paesaggio esistente.

Text provided by Architect

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas