THE TREE

MAG

Cloud House di Akin Atelier

Cloud House di Akin Atelier

Cloud House di Akin Atelier

[vc_row][vc_column width=”1/3″][vc_column_text]

AUTORE:

Akin Atelier[/vc_column_text][vc_column_text]

PHOTO:

image ©Murray Fredericks[/vc_column_text][vc_column_text]

ANNO:

2018[/vc_column_text][vc_column_text]

LUOGO:

Bondi Beach, Australia[/vc_column_text][vc_column_text]

LINKS:

Akin Atelier, Murray Fredericks, Archdaily[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”2/3″][vc_single_image image=”13067″ img_size=”full”][vc_single_image image=”13068″ img_size=”full”][vc_separator][vc_gallery type=”image_grid” images=”13079,13078,13077,13076,13075,13074,13073,13072,13071,13070,13069,13081,13080,13066,13064,13063,13062,13065″ img_size=”100×100″ onclick=”kalium_lightbox”][vc_column_text]Cloud House è una casa privata situata a Bondi Beach. Il concetto massimizza l’opportunità per la luce di interagire con le superfici della casa come le sfaccettature di una nuvola. Due volumi interconnessi sono forati da un cortile centrale e da aperture selezionate, stabilendo un gioco di luce e aria. La casa è progettata come due strutture interconnesse dal cortile interno al piano terra e la passerella aperta al piano superiore. I volumi rettilinei sono perforati con aperture che riguardano sia il programma che il contesto, ognuno dei quali fornisce un gioco diverso sulla luce. La pianificazione della casa è suddivisa tra spazi abitativi flessibili al piano terra e camere private e soggiorni secondari al piano superiore; i livelli collegati alla circolazione che fiancheggia il cortile centrale. All’interno della casa, la geometria rettilinea dell’esterno viene attenuata attraverso un ritmo di sottili curve negli elementi interni; una finestra rotonda girevole; un basamento di cemento curvo e una falegnameria su misura che si assottiglia a filo muro. Una tavolozza di colori contenuta di legno caldo, bianchi e grigi favorisce una connessione con il contesto costiero di Bondi, mentre le finiture delle pareti come i mattoni leggermente imbustati catturano la luce durante il giorno. L’orientamento nord-est del sito ha informato l’ammodernamento di un edificio che porta la luce più in profondità nel sito. Dalla strada, il volume del primo piano sbalza sopra la tettoia lastricata, coinvolgendo il paesaggio di Bondi attraverso aperture selezionate ma giocose. Crea un buffer per la casa al di là, dove gli spazi da giorno chiave sono posizionati privatamente e ancorati tra il cortile interno e il giardino paesaggistico posteriore. La facciata est contiene aperture che catturano il sole del mattino, filtrate con schermi scorrevoli in legno per la privacy dei vicini adiacenti. L’architettura del paesaggio è stata parte integrante del progetto sin dalla concezione e la collaborazione con Dangar Barin Smith ha permesso di integrare perfettamente gli spazi esterni come il giardino sul retro, la doccia esterna e il cortile in legno per tutto il piano terra, mentre una distesa di fiori ammorbidisce il bordo della camera da letto principale al primo piano. Il progetto è stato di semplicità ed è stato realizzato attraverso una combinazione di dettagli di design rigorosi e la maestria del team di costruzione. Collaborazioni con appaltatori specializzati hanno visto la realizzazione di elementi su misura come un basamento in cemento curvo, una finestra circolare in acciaio e schermi per la privacy del legname.[/vc_column_text][lab_divider title=”RECENT IN ARCHITECTURE”][lab_portfolio_items category_filter=”no” columns=”4″ pagination_type=”hide” portfolio_query=”size:12|order_by:date|post_type:,portfolio|tax_query:11″][/vc_column][/vc_row]

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas