THE TREE

MAG

Casa Fly di beef architekti

ARCHITETTO:

beef architekti

PHOTO:

Tomeu Canyellas

ANNO:

2020

LUOGO:

Mallorca,  Spagna

LINKS:

Visitando ripetutamente l’isola mentre cercavamo il giusto appezzamento di terreno, siamo rimasti colpiti dalle tradizionali case in pietra nelle città e nella campagna di Maiorca. La ‘Pedra en sec’ è una tecnica di costruzione in pietra a secco locale molto semplice ed economica, utilizzata fin dalla preistoria. Nel 2018 è stato dichiarato Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO. Imparando dall’architettura locale, la casa riutilizza i suoi elementi tradizionali nella tipologia contemporanea e li incorpora insieme a un semplice concetto di efficienza energetica basato sulla ventilazione naturale e sulle proprietà di accumulo di calore delle sue massicce pareti.

Maiorca è un’isola ricca di splendidi paesaggi naturali insieme a pittoresche città di pietra piene di storia e tradizione. Siamo arrivati ​​come visitatori ignari, che hanno imparato passo dopo passo come entrare nel territorio mediterraneo nel rispetto dell’architettura vernacolare.
Il nostro design lo riflette utilizzando tecniche e materiali tradizionali come pietre provenienti da una cava locale. La facciata in pietra, che si basa sul disegno tipico che si può trovare in tutta l’isola come recinzione o muri di sostegno, costruiti con la tradizionale tecnica a secco ‘Pedra en sec’. Questo design locale è stato dichiarato Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dall’UNESCO nel 2018.

Oltre all’estetica, la massiccia facciata aiuta a mantenere la casa fresca durante i mesi estivi e ha un grande potenziale per accumulare calore in inverno.
La casa rispetta le condizioni locali, quindi offre una serie di sistemi di ombreggiamento naturale o di ventilazione.
Innanzitutto, le finestre vengono spinte all’interno della struttura in modo da creare ombreggiature delle lastre di cemento.
Le persiane in legno pieghevoli sono un’altra prevenzione naturale del calore. Riflettono le facciate delle case tradizionali di Maiorca. Lamelle verticali strette creano un tenero gioco di ombre all’interno, che integra l’atmosfera tradizionale locale. Gli spazi tra le lamelle consentono la circolazione dell’aria anche quando le persiane sono chiuse.

Il progetto propone la ventilazione naturale, che può essere utilizzata localmente o in tutta la casa a seconda delle esigenze attuali.
Diverse aperture delle finestre su ogni piano consentono all’aria fresca di entrare e fluire attraverso la casa fino ai lucernari, che forniscono ventilazione verticale e orizzontale.
La casa è in armonia con l’architettura locale utilizzando materiali, tecniche e principi empirici tradizionali. La facciata in pietra scorre continuamente verso l’interno in combinazione con l’intonaco di calce „Estuco de cal“.

La nostra intenzione era quella di mantenere moderato lo sfondo interno, che permettesse di risaltare l’arredamento su misura. Legno, pietra locale e cemento sono i materiali utilizzati dominanti.
Ogni materiale ha un ruolo specifico nella progettazione. Le lamelle di legno adiacenti alla scala creano assi verticali o uno “scheletro” della casa.
Un gruppo di lampade a sospensione in ceramica fatte a mano creano un’impressione unica sopra il tavolo da pranzo.
E alla fine, una statua astratta di angelo in bronzo è rivolta verso la vista con una posizione nell’androne.

L’ambiente circostante insieme alla posizione della casa creano viste diverse su ogni livello. Nella storia in fondo sei visivamente connesso con il mare infinito. Dalle stanze, invece, che si trovano al piano superiore, è visibile nelle ore notturne la bella città illuminata.
La città può essere vista attraverso il divario tra il terreno in pendenza e le cime dei pini. L’ultima terza vista è dalla piscina a sfioro, dove l’acqua della piscina si fonde continuamente con il mare e l’orizzonte.
Infine Casa Fly permette ai suoi abitanti di vivere momenti straordinari.

Text provided by Architect

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas