THE TREE

MAG

Bun Burgers Turin di Masquespacio

ARCHITETTO:

Masquespacio

PHOTO:

Gregory Abbate

ANNO:

2021

LUOGO:

Torino, Italia

Dopo l’iniziale proficua collaborazione tra Bun e Masquespacio per il suo ristorante di Bligny, Milano, ora presentano il primo ristorante Bun a Torino.
Partendo dall’identità già creata e implementata nel primo ristorante Bun di Milano, per la nuova apertura della catena alberghiera italiana a Torino hanno nuovamente commissionato allo studio spagnolo guidato da Ana Hernández e Christophe Penasse. Questa volta, però, l’approccio non è iniziato con un elemento storico dello spazio, ma con le 3 vetrine che, in alto, offrendo luce naturale allo spazio, danno una vista direttamente all’interno dall’esterno.

Con la presente, se nel ristorante di Milano sono stati utilizzati 2 colori, a Torino sfruttando le 3 vetrine è stato progettato uno spazio di 3 colori che occupano 1 delle vetrine ciascuno.
Ana Hernández, direttore creativo di Masquespacio: “L’idea di giocare con 1 colore per ogni finestra crea un effetto visivo dall’esterno che fa camminare lo spettatore dall’esterno da 1 mondo visivo all’altro, viaggiando attraverso diverse esperienze nello stesso spazio .”

Il già iconico colore verde di Bun è quello che ti porta immediatamente alla barra degli ordini, mentre i colori rosa e blu ti portano a 2 posti a sedere completamente diversi tra loro. Nello spazio rosa si può vedere come accanto a un tavolo da condividere, sia allestita una tribuna che continua con il concetto di arco per dare la possibilità ai commensali di sedersi a diversi livelli. La zona blu invece aggiunge un tocco di allegria e offre ai visitatori la possibilità di gustare i deliziosi Bun burger in uno spazio che simula un’enorme piscina che li farebbe sentire come galleggianti nell’acqua.

Ultimo ma non meno importante, lo spazio conta già alcuni degli elementi affermati del marchio come per i mobili e gli archi, accanto a materiali come la ceramica e il terrazzo. Dopo aver finalizzato questo progetto, Masquespacio ha già iniziato a lavorare alle nuove aperture a Milano per le quali cercherà di integrare l’identità di Bun in nuovi spazi singolari.

Text provided by Architect

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas