THE TREE

MAG

BELLA VISTA II di MESSNERARCHITECTS

BELLA VISTA II di MESSNERARCHITECTS

BELLA VISTA II di MESSNERARCHITECTS

[vc_row][vc_column width=”1/3″][vc_column_text]

AUTORE:

MESSNERARCHITECTS[/vc_column_text][vc_column_text]

PHOTO:

image ©Oliver Jaist[/vc_column_text][vc_column_text]

ANNO:

2018[/vc_column_text][vc_column_text]

PRODUZIONE:

Val Gardena, Italy[/vc_column_text][vc_column_text]

LINKS:

MESSNERARCHITECTS, Oliver Jaist, Dolomiti-Dolomiti, Dolomiti UNESCO[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”2/3″][vc_single_image image=”20024″ img_size=”full”][vc_single_image image=”20032″ img_size=”full”][vc_separator][vc_gallery type=”image_grid” images=”20025,20026,20028,20029,20031,20033,20034,20035,20023,20022,20021,20020,20019,20018,20017,20016,20015″ img_size=”100×100″ onclick=”kalium_lightbox”][vc_column_text]Al fine di accrescere il valore e la popolarità delle Dolomiti, la Fondazione Dolomiti-Dolomiti ha commissionato a Messner Architects la creazione di standard architettonici, paesaggistici e grafici per le vedute nel sito patrimonio mondiale Dolomiti UNESCO. Considerando l’ambiente altamente sensibile di questa regione alpina, il paesaggio viene trasformato, invece di aggiungere pezzi discreti ad esso. Tagliando il terreno e sollevandolo si ottiene una piattaforma, che galleggia parzialmente sul terreno. Il perimetro esterno è in acciaio, riempito con macerie dal sito. I vincoli tra edificio e contesto sono sfocati. Un piccolo canyon conduce ad un’apertura circolare al centro della piattaforma, dove sono memorizzate le informazioni. Un indice circolare in acciaio inossidabile mostra i vertici visibili. Ulteriori informazioni sul paesaggio e sulla geologia delle Dolomiti si trovano sulla gonna esterna dell’indice.
“Nel 2009 l’UNESCO ha elencato le Dolomiti come Patrimonio dell’Umanità per il valore estetico del suo paesaggio e per l’importanza scientifica della sua geologia e geomorfologia e lasciata alla protezione della Fondazione Dolomiti-Dolomiti creata dalle province di Belluno, Bolzano, Pordenone, Trento e Udine. Le Dolomiti non sono una catena montuosa interrotta ma piuttosto nove sistemi montuosi separati ciascuno da valli, fiumi e altre montagne. I 142.000 ettari che compongono il patrimonio mondiale dell’UNESCO formano una sorta di arcipelago sparso su una vasta area alpina e ricadendo all’interno dei confini di cinque province italiane. “[/vc_column_text][lab_divider title=”RECENT IN DESIGN”][lab_portfolio_items category_filter=”no” columns=”4″ pagination_type=”hide” portfolio_query=”size:12|order_by:date|post_type:,portfolio|tax_query:1192″][/vc_column][/vc_row]

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas