Amangiri Resort di I-10Studio

ARCHITETTO:

I-10Studio composed of Marwan Al-Sayed Architect, Wendell Burnette Architects, Rick Joy Architects

PHOTO:
 
Joe Fletcher, Jeremy Bittermann, Aman Resort Group
 
 

La sontuosa bellezza della terra all’Amangiri è innegabile. Il semplice potere delle proporzioni – lo spazio immenso – i mesa torreggianti – le pareti a strapiombo – il cielo sopra – la falda acquifera sotto. La terra è allo stesso tempo un luogo da rispettare per tutta la sua vitalità e fragilità e un luogo da abitare ed esperienza per tutto ciò che si accende nelle nostre anime. Il vero fascino della terra all’Amangiri, tuttavia, è silenziosamente nascosto nella sua natura selvaggia. La terra spinge le persone a ricordare tutto ciò che è puro e selvaggio nell’ovest americano. Con i nostri occhi del ventunesimo secolo possiamo vedere la bellezza ma da una prospettiva ampiamente isolata dalla terra. Per sentire veramente la terra, bisogna sperimentarla da vicino. Ad ogni incontro con elementi di nuova costruzione, la percezione della natura selvaggia del luogo verrà modificata. Come possono questi nuovi elementi artificiali contribuire al mantenimento e forse alla valorizzazione della ricchezza e della natura selvaggia del luogo? È possibile, dando alle persone una pura esperienza con la terra / il luogo, aiutarli a connettersi con il luogo, passato e presente, in un modo più profondo. Concentrarsi principalmente sul presente e creare esperienze sensuali molto pure può aiutare a raggiungere questo obiettivo. 

Text provided by architect

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas