THE TREE

MAG

Alchemie T di Giulia Archimede

Alchemie T di Giulia Archimede

Alchemie T di Giulia Archimede

[vc_row][vc_column width=”1/3″][vc_column_text]

AUTORE:

Giulia Archimede[/vc_column_text][vc_column_text]

PHOTO:

image ©Nava Rapacchietta[/vc_column_text][vc_column_text]

ANNO:

2019[/vc_column_text][vc_column_text]

PRODUZIONE:

Catellani&Smith

Italy[/vc_column_text][vc_column_text]

LINKS:

Catellani&Smith, Nava Rapacchietta[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”2/3″][vc_single_image image=”18668″ img_size=”full”][vc_single_image image=”18672″ img_size=”full”][vc_separator][vc_gallery type=”image_grid” images=”18671,18670,18669″ img_size=”100×100″ onclick=”kalium_lightbox”][vc_column_text]‘L’amor che move il sole e l’altre stelle’ Paradiso, XXXIII, v. 145
Eterna è l’antitesi tra luce e buio, tra Sole e Luna, come parte del fluire stesso dell’esistenza. Molteplici sono i significati allegorici attribuiti alla relazione necessaria tra i due elementi, che esistono l’uno in conseguenza all’altro e viceversa. La nuova lampada Alchemie T disegnata da Giulia Archimede per Catellani & Smith diventa così terreno d’indagine di questa dimensione contrapposta ma da sempre, e per sempre, legata. Alchemie T è una scultura preziosa composta da due dischi in ottone e alabastro, utilizzato per la prima volta in una creazione di Catellani & Smith, che poggiano su una base realizzata in Pietra Medea. Con un leggero gesto della mano, il disco in ottone scorre sul binario inserito nella base, mentre il disco in alabastro, che nasconde nella sua cornice la sorgente luminosa a LED, rimane fisso. Accendendo la lampada-scultura mediante il tasto inserito nella base, l’interazione tra luce ed ombra raggiunge il suo apice nell’attimo in cui i due elementi si sovrappongono, quasi a dare origine ad un’eclisse. Il movimento genera un’esperienza d’uso, una variazione sia nella forma della lampada sia nell’intensità luminosa per creare nuove atmosfere nell’ambiente circostante. Alchemie T rappresenta dunque un sodalizio tra l’oggetto e il suo utente che spinge quest’ultimo a riconoscersi e identificarsi emozionalmente nel suo spazio.[/vc_column_text][lab_divider title=”RECENT IN DESIGN”][lab_portfolio_items category_filter=”no” columns=”4″ pagination_type=”hide” portfolio_query=”size:12|order_by:date|post_type:,portfolio|tax_query:1192″][/vc_column][/vc_row]

THE TREE MAG – The Fruits of Ideas